IL BRUSIO DI TAOS

Per prima cosa, il Taos Hum è davvero un ronzio che non lascia dormire gli abitanti dell’omonima cittadina del New Mexico. Il suono a bassa frequenza nelle Montagne Rocciose persiste come un’antica maledizione, viaggia per decine di chilometri nell’aria tersa, spingendo chi lo sente all’esasperazione. La cittadina si trova su un altipiano a 2 mila metri d’altezza, non lontano dal celebre villaggio di Adobe costruito dai nativi Pueblo tra il 1000 e il 1450 d.C. Un tempo il luogo era silenzioso e sacro, ma nel 1991 è arrivato il «Taos Hum», il fantasma sonoro. Il sito Live Science l’ha classificato tra i 10 grandi fenomeni inspiegabili dalla scienza. 

 

Gli hearers, quelli che avvertono il ronzio, lamentano uno stato di malessere generale e sintomi anche gravi (emicranie, difficoltà respiratorie, attacchi di panico, insonnia). Non servono tappi per orecchie, ansiolitici, sonniferi. Alcuni disperati sono scappati da casa in piena notte, percorrendo centinaia di km alla ricerca dell’origine del ronzio. Il ronzio è caratterizzato da una bassa frequenza, compresa fra 30 e 80 Hz, e quindi è difficilmente rilevabile dagli strumenti.

Gli hearers sono il 2% della popolazione della contea e non risultano affetti da disturbi uditivi. Già nel ’93 gli abitanti di Taos, esasperati, ottennero l’intervento di un team di esperti che, diretto da Joe Mullins della New Mexico University, coinvolse l’audiologo James Kelly e centri come il Los Alamos National Laboratory, il Phillips Air Force Laboratory e i Sandia National Laboratories. Si condussero rilevamenti acustici, geodinamici, magnetici, elettromagnetici e nel ‘95 stilarono un rapporto che tuttavia non chiariva il mistero. Esclusero però l’origine geofisica, visto che l’area è poco sismica.

Oggi Taos è un luogo di turisti del mistero. Sono state fatte ipotesi fantasiose: spiriti indiani, potenze infernali o extraterrestri.

Una possibile spiegazione ufficiale è il disturbo uditivo conosciuto come acufene (tinnitus) o un problema al timpano degli hearers.

Advertisements
This entry was posted in Misteri e personaggi storici and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s